L’Associazione ha preso vita ufficialmente il 28 maggio 2011 a Orsenigo,  grazie alla volontà delle famiglie Molteni e Galimberti, di andare incontro ed in qualche misura aiutare il mondo dei bambini affetti da gravi patologie.

La famiglia Molteni, il 21 febbraio 2011, ha perso il piccolo Luca di 7 anni per una rarissima malattia genetica: la Sindrome di Duncan, diagnosticata poche settimane prima, dopo essere appena uscito vincente  da un tumore che lo affliggeva dall’ età di cinque anni.

La famiglia Galimberti,  il 16 maggio 2006 , ha perso la piccola Viola che allora aveva  poco più di 3 anni, colpita improvvisamente da una meningite fulminante.

Alberto e la moglie Elena, nonostante il dolore ancora recente e l’ angoscia per l’altro figlio Simone, che ha manifestato i sintomi della stessa patologia ed era in attesa di trapianto di midollo osseo, hanno subito maturato il desiderio di creare l’ Associazione con lo scopo di fornire un aiuto ed un supporto a chi come loro sta vivendo queste tristi esperienze.

Purtroppo  il 17 ottobre 2012, dopo poco più di un anno dal trapianto di midollo osseo anche Simone ha raggiunto il fratello.

Gianni e la moglie Rosanna hanno subito condiviso questo progetto d’ altruismo; all’ epoca della perdita di Viola, non avevano esitato a permettere l’espianto d’organi, dando così la possibilità di continuare a vivere ad altre persone.

A loro si sono poi affiancate le rispettive famiglie, un nutrito gruppo di amici grandi e piccoli, alcune maestre della scuola dell’Infanzia e della Primaria di Orsenigo e Carugo e il 28 maggio 2011 con la manifestazione denominata ‘MADRE TERRA’ tenutasi presso la Scuola Elementare “Ada Negri” di Orsenigo, si sono presentati  pubblicamente. In quell’occasione di festa è nata l’Associazione “Il giardino di Luca e Viola Onlus” : proprio i bambini sono stati protagonisti dell’evento con la realizzazione di un grande murales su pannelli :opera che accompagna  tutti gli eventi e tutti gli incontri che vengono promossi.

In quel murales oltre al logo dell’ Associazione , è dipinto un immenso giardino fiorito: la  speranza è che la  raffigurazione diventi col tempo una realtà tangibile e che i fiori in  esso rappresentati, si tramutino nel sorriso spensierato e allegro di tanti bambini.